top of page

Giustizia e Teatro: La Lunga Attesa di Berkovich e Petriychuk


Nel cuore di Mosca, nel tribunale di Zamoskvoretsky, si è consumato un altro capitolo della lunga saga giudiziaria che vede protagonisti Zhenya Berkovich e Svetlana Petriychuk. Accusati di "giustificazione del terrorismo" per la messa in scena dello spettacolo "Finist Yasny Falcon", i due si sono ritrovati ancora una volta davanti alla giustizia per l'ennesima estensione della loro misura cautelare, prevista per il 5 marzo alle 17.45. Fuori dal tribunale, una folla di sostenitori si è radunata in un gesto di solidarietà, ma il clima all'interno dell'edificio era diverso, impregnato dell'atmosfera festiva dell'imminente 8 marzo, con borse di regali e fiori che affluivano negli uffici.

La giornata del giudice Zorina era densa di casi, 19 per l'esattezza, destinati a prolungare misure cautelari, tra cui quello di Berkovich e Petriychuk. Ma la procedura giudiziaria ha assunto un ritmo lento, quasi cerimoniale, iniziando con il caso di un giovane accusato di estremismo, la cui udienza si è protratta ben oltre l'orario previsto, lasciando i due artisti e i loro sostenitori in un'attesa snervante.

Quando finalmente è giunto il momento del loro caso, il pubblico è stato allontanato: il tribunale, dopo le 18:00, si è trasformato in una "struttura di sicurezza", accessibile solo ai diretti interessati. Questa decisione ha suscitato indignazione tra i giornalisti e i presenti, che si sono visti negare la possibilità di assistere a un'udienza che, per definizione, avrebbe dovuto essere pubblica.

L'atmosfera è diventata ancora più tesa quando è emerso che l'investigatore aveva presentato le accuse definitive, arricchendo il fascicolo con sei volumi e una serie di perizie, tra cui una controversa analisi distruttiva che la difesa ha cercato invano di escludere dal caso. La lunga attesa e l'esito prevedibile dell'udienza hanno rafforzato la sensazione di un processo in cui la decisione sembra essere già scritta.

Nonostante le lunghe ore di attesa e l'angoscia, la determinazione di Berkovich e Petriychuk rimane incrollabile, con la drammaturga che ribadisce la propria innocenza e il regista che trasforma il suo intervento in un appello emotivo per la giustizia e la compassione. Il loro caso non è solo una questione legale, ma diventa un simbolo di resistenza artistica e personale contro un sistema che sembra indifferente al concetto di equità e verità.

Il giudice Zorina, dopo un'ora di deliberazione, ha confermato la proroga della custodia cautelare fino al 10 aprile, lasciando l'aula e i protagonisti di questa vicenda in attesa di un nuovo capitolo. 

In questo contesto, il tribunale di Zamoskvoretsky non è solo il luogo di un procedimento legale, ma diventa un teatro dove si intrecciano le vite degli individui e le macchinazioni di un sistema che sembra sempre più distante dalle persone che dovrebbe servire e proteggere.


Questa storia, che si svolge nel contesto dell'era di Putin e della nuova Russia, insegna molteplici lezioni sulla situazione attuale in questo paese, riflettendo le dinamiche politiche, sociali e culturali.

Prima di tutto, evidenzia le sfide che gli artisti e i dissidenti affrontano in Russia, un paese dove la libertà di espressione è spesso soffocata e le voci critiche possono essere facilmente etichettate come estremiste o terroristiche. La vicenda di Berkovich e Petriychuk dimostra come opere d'arte e spettacoli teatrali possano essere interpretati come atti politici o minacce, sottolineando la tensione tra l'arte e il potere statale.

La storia mostra anche come il sistema giudiziario possa diventare uno strumento per esercitare controllo politico, dove i processi possono trascinarsi e le sentenze sembrano talvolta predecise, minando così il concetto di giustizia equa e imparziale. L'allontanamento del pubblico e dei giornalisti dall'aula del tribunale riflette una crescente chiusura e mancanza di trasparenza, evidenziando le preoccupazioni per la libertà di stampa e il diritto del pubblico all'informazione.

Inoltre, la storia mette in luce la resistenza e la resilienza di coloro che si oppongono al regime o che semplicemente esercitano il loro diritto alla libertà di espressione. Nonostante le pressioni e le sfide, individui come Berkovich e Petriychuk continuano a difendere le loro convinzioni, rappresentando una fonte di ispirazione per altri che potrebbero trovarsi in situazioni simili.


Orazio Lacenere Marzo 2024

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

留言


bottom of page